Verbale Consiglio Direttivo del 31 Maggio 2014

A seguito di regolare convocazione, il 31 maggio 2014 si è  riunito in Modena, presso la sede del Gruppo Cinofilo Modenese g.c. il Consiglio Direttivo in seduta congiunta con il Comitato Tecnico dell’ATAVI per discutere il seguente
ORDINE DEL GIORNO
1) disamina della posizione del Consigliere Crepaldi dopo i recenti accadimenti
2) disamina dell’attuale morfocaratteriale della razza
3) filmati da proiettare durante l’esposizione mondiale di Milano del 2015
4) Congresso UMAVI in Polonia del 20 settembre 2015
5) Raduni e Speciali 2015
6) Nomina Senior President dell’UMAVI per il triennio 2014/2017
7) Varie ed eventuali
Presenti i consiglieri , BARANI, BONANNO, CREPALDI, DALLA BARBA, FIORINI, OEYANGEN, OREGLIA; assenti giustificati AZZARITO e MACCHIONE.
E’ presente la signora NADIA MAFFEI  quale consigliere delegato dell’ ENCI.
Constata la validità della riunione (iniziata alle ore 11,20 per l’imprevisto ingorgo autostradale che ha causato il contingente ritardo di alcuni Consiglieri) si passa a discutere il primo punto dell’ ordine del giorno.
La Signora Maffei deplora l’incresciosa situazione creatasi, peraltro assolutamente ingiustificata dal momento che, in ogni circostanza, l’operato del Presidente e dell’intero Consiglio Direttivo è stato improntato alla più limpida correttezza istituzionale.
Si prende atto delle formali scuse inviate per iscritto dal Consigliere Crepaldi e viene accolto all’unanimità l’autorevole invito della Signora Maffei a chiudere definitivamente ogni questione ad evitare in futuro sterili polemiche e personalismi che non giovano a nessuno ma soprattutto contrastano con lo spessore tecnico espresso in ogni sede dall’ATAVI e peraltro riconosciuto in ogni àmbito.
Si auspica che in futuro si eviti di adire al Collegio dei Probiviri, le cui decisioni -pur nel rispetto istituzionale- rimangono, di fatto, prive di ogni efficacia pratica.
Anche lo Statuto Sociale emanato dall’Enci per le Società Specializzate appare lacunoso e impreciso in proposito lasciando spazio a non pochi dubbi.

 

Si passa a discutere il punto 2 dell’O.d.G. e, alla luce di quanto visto al quinto Raduno Nazionale 2014 di Rosignano, la situazione appare soddisfacente  si delibera di pubblicare una nota tecnica su “I Nostri Cani”nello spazio dedicato ai Club di razza.
Si delibera altresì di organizzare il Cae 1 nell’àmbito del prossimo Raduno Nazionale 2015.
Per quanto il punto 3 dell’O.d.G. il presidente informa che il Comitato Tecnico Razze Italiane ha proposto al Consiglio Direttivo dell’Enci di realizzare direttamente un filmato su tutte le razze italiane da proiettare su grandi schermi per tutta la durata dell’esposizione mondiale 2015.
Si discute poi il punto 4 dell’O.d.G. stabilendo di sollecitare l’Junior President della Polonia Stefano Gandini per conoscere i dettagli dell’evento e informare tempestivamente i Soci Atavi.
Si passa al punto 5 dell’O.d.G. e si delibera, in linea di massima, di organizzare -se logisticamente possibile-  il 6° Raduno Nazionale nell’Italia centrale; giudice designato Orietta Zilli.
Le altre “speciali” e “raduni” 2015 sono fissate a Modena (1 febbraio 2015) Giudice designato: Crepaldi;  a Ferrara (18/19 aprile 2015,terna di Giudici da proporre:  Alessandri, Inzoli, Mannucci); Rende (si contatterà la presidenza del Gruppo Cinofilo per sapere i giudici invitati) e Livorno (terna: Gatti, Griffa, Poggesi)
e il Raduno delle isole maggiori per il 2015 sarà in Sicilia (località da stabilire) e terna proposta: Mannucci, Inzoli, Migliarini).
In merito al punto 6 dell’O.d.G. si conferma Fabrizio Bonanno alla carica di Senior President dell’UMAVI per il triennio 2014/2017.
Per quanto riguarda il punto 7 dell’O.d.G. , viene avanzata la proposta di richiedere alle organizzazioni competenti la conservazione del seme in regime di convenzione.
In Inghilterra non è riconosciuta come razza il Volpino Italiano; il Senior President dell’Umavi si farà carico del problema interessando della cosa l’Enci per il tramite del Comitato Tecnico Razze Italiane.
Esaurito ogni argomento, la seduta viene tolta alle ore 13,50-