Consiglio direttivo ATAVI del 30 Giugno 2012

VERBALE RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO ATAVI DEL 30 GIUGNO 2012

Il giorno 30 giugno 2012 alle ore 10,00 in Modena, presso la residenza del Consigliere Barani, a seguito di regolare convocazione ha avuto luogo la riunione del Consiglio Direttivo dell’ATAVI per discutere il seguente ORDINE DEL GIORNO 1) Comunicazioni del Presidente 2) approvazione Protocollo defnitivo per la ricerca della PLL 3) raduni e speciali 2013 4) varie ed eventuali Sono presenti tutti i Consiglieri ad eccezione di Vincenzo Macchione. 1) Il Presidente stigmatizza il comportamento letteralmente inammissibile di quei soci che a Volta Mantovana hanno portato i loro cani senza sottoporli al giudizio in segno di protesta per la mancata ratifica del giudice designato. I Consiglieri presenti relazionano nei dettagli altri episodi poco edificanti accaduti a Volta Mantovana e si delibera di convocare i Soci in Spilamberto (Mo) per le ore 10,00 i sabato 14 luglio 2012. In quell’occasione il Presidente inviterà, tra l’altro, i Soci a non diffondere via internet notizie imprecise e incomplete. Il Presidente rivolge caldamente lo stesso invito ai Consiglieri. Il Presidente porrà formali scuse al giudice Asnaghi, incolpevole destinatario di un comportamento scorretto. Il Consiglio non può e non deve tollerare certi comportamenti in quanto contrari alle più elementari regole deontologiche. Si delibera di chiedere un incontro al Presidente dell’Enci per interloquire su vari argomenti e sapere se il Giudice Crepaldi potrà essere regolarmente invitato a giudicare o se sussistono impedimenti. Il Presidente si attiverà in tal senso e, a incontro avvenuto, relazionerà con comunicazione scritta il C.D. 2) si approva il testo definitivo del Procollo PLL (allegato) che viene quindi inviato agli Junior President dell’UMAVI; dopo l’approvazione da parte di tutti, il Protocollo sarà in vigore a tutti gli effetti e verrà data inerente comunicazione ai Soci assistendoli nel disbrigo delle contingenti formalità. 3) Si deliberano le speciali e i raduni 2013 come da prospetto allegato. L’annuale Raduno Nazionale si terrà a Modena presso la struttura g.c. dalla Federcaccia e sarà giudicato da Antonio Crepaldi. Non essendovi altro da deliberare, la seduta viene tolta alle ore 16,30 IL PRESIDENTE FABRIZIO BONANNO -Allegati: ut supra

PROTOCOLLO PER IL CONTROLLO DELLA LUSSAZIONE PRIMARIA DEL CRISTALLINO NEL VOLPINO ITALIANO Avendo preso coscienza che la PLL nel Volpino Italiano è la malattia genetica maggiormente presente, si rende necessario scrivere un protocollo specifico a cui tutti gli allevatori e proprietari si devono attenere. 1 – Prelievo della saliva del cane con apposito materiale fornito su richiesta dal laboratorio OFA [ORTHOPEDIC FOUNDATION for ANIMALS – USA] I risultati di detto prelievo devono essere in possesso del proprietario prima che il cane sia utilizzato per la riproduzione. CLEAR/NORMAL = esente da gene malato – si può accoppiare con CLEAR o CARRIER Se entrambi i genitori sono CLEAR/NORMAL i figli sono dichiarati CLEAR/NORMAL per parentela ma devono fare il test. CARRIER = dei 2 geni 1 è portatore – si DEVE accoppiare solo con CLEAR/NORMAL Il prelievo per il test DEVE essere fatto da un veterinario che possa accertare la precisione del prelievo, controllando il microchip del soggetto testato ed inviando egli stesso tutta la relativa documentazione al laboratorio OFA. 2 – Visite oculistiche per il controllo di altre malattie oculari sono facoltative, l’Atavi fornirà l’elenco aggiornato dei Medici Veterinari abilitati dalle rispettive Organizzazioni. 3 – ATAVI/UMAVI stipulerà una convenzione atta a ridurre i costi con l’OFA e i Veterinari nelle rispettive Nazioni. 5 – Tutti i Soci compresi gli Alevatori sottoscriveranno un codice etico, impegnandosi af effettuare accoppiamenti secondo il seguente schema: . NON accoppiare CARRIER (portatore di 1 gene della Pll) x carrier . NON accoppiare SOGGETTI NON TESTATI GENETICAMENTE PER LA PLL, . METTERE IN RIPRODUZIONE CARRIER solo se tipici e perciò ritenuti utili all’allevamento, così definiti dal Giudice specialista nella relazione di giudizio durante il Raduno Annuale i CARRIER ammessi alla riproduzione per le loro qualità utili all’allevamento dovranno ovviamente essere accoppiati esclusivamente con CLEAR/NORMAL. I soggetti affetti da PLL NON vanno ovviamente adibiti alla riproduzione. Il Codice Etico dovrà essere applicato anche in tutti i Paesi aderenti all’UMAVI. La mancata aderenza ed applicazione del codice etico prevede la segnalazione del socio inadempiente Al Collegio dei Probiviri dell’ATAVI o al Consiglio dell’UMAVI. Al protocollo in oggetto è prevista la deroga per i soggetti che già dispongono della certificazione rilasciata dall’OFA, che pertanto non dovranno ripetere il test. I referti della OFA, una volta resi pubblici, avranno valore di ufficialità. Il Presidente dell’ATAVI/UMAVI si incarica di rendere operativo al più presto il protocollo in oggetto, dopo l’approvazione di tutti i rappresentanti dell’UMAVI